mostarda di fichi d'india

Mostarda di fichi d’india

Mostarda di fichi d’india

Non so quanti tra i giovani d’oggi conoscano la mostarda di fichi d’india. Sono passati molti anni da quando, bambina, andavamo la domenica a Tusa (ME) a trovare mia nonna. Sul grande tavolo della cucina c’era un cestino, ricoperto con un tovagliolo, al cui interno si trovavano pezzetti di mostarda ritagliati a forma di rombo. Era la prima cosa che assaggiavo quando andavo lì e quel sapore e la sua tenace resistenza al morso sono ben presenti nella mia memoria.

Da qualche anno per smaltire la gran quantità di fichi d’india sparsi per casa in questo periodo, ho cominciato a preparare la mostarda e oggi voglio raccontarvi come la preparo. La mostarda di fichi d’india la si può consumare in due modi: appena cotta come morbido dolce al cucchiaio spolverato con un po’ di cannella e granella di mandorle oppure lasciarla esposta al sole per 4/5 giorni, rigirandola sottosopra, per farla asciugare. In questo modo la mostarda potrà essere consumata anche dopo diverse settimane.

Valutazione ricetta

  • (5 /5)
  • 1 rating

Condividi

Ricette Correlate