carciofi bolliti

Carciofi bolliti

Carciofi bolliti

Mi basta percorrere 2 km e mezzo per comprare i carciofi e preparare la semplicissima ricetta dei carciofi bolliti. Ieri sono andata dal mio contadino di fiducia, il Sig. Nino, che mi rifornisce dei prodotti che non coltivo nel mio piccolo orticello. C’ero andata perché avevo bisogno di broccoli per preparare i broccoli affogati ma appena arrivata il Sig. Nino mi fa:” Signura Ro’, taliassi chi beddi cacocciuli chi cugghiu” (Signora Ro’, guardi che bei carciofi che ho raccolto). E in effetti belli erano belli, per cui ne ho preso un mazzo con l’idea di cuocerli nella maniera più semplice che conosca. Non credo che esista ricetta più facile dei carciofi bolliti i quali, conditi nel modo che ora andrò a spiegarvi, sapranno darvi delle belle soddisfazioni.

Come preparare i carciofi bolliti

Per prima cosa, tagliate i gambi dei carciofi e togliete le foglioline più piccole. Allargate leggermente le foglie per eliminare eventuali insetti che possano essersi annidati tra di loro. Sciacquateli bene e metteteli in una pentola capiente con acqua sufficiente da ricoprirli. Aggiungete i limoni tagliati a pezzi e una manciata di sale. Coprite e fate cuocere per 40 minuti. Scolateli per bene e serviteli con un intingolo di olio emulsionato con succo di limone, sale e pepe.

Per mangiarli staccate una alla volta le foglie del carciofo, immergetela nell’olio e, aiutandovi con i denti, raschiate la parte carnosa del carciofo. Vedrete che, oltre che buoni, sarà anche un modo divertente per gustare questo buonissimo ortaggio.

Valutazione ricetta

  • (0 /5)
  • 0 ratings

Condividi

Ricette Correlate